Catania calcio : Presentato ufficialmente Mister Giuseppe Pancaro

cat
Il Direttore Generale del Catania Giuseppe Bonanno ha presentato così ai giornalisti ed agli operatori dell’informazione, oggi in Sala Conferenze a Torre del Grifo Village, il nuovo allenatore rossazzurro: “Questo è un appuntamento molto importante, per noi: mister Pancaro rappresenta una prima scelta, fatta sulle stesse basi di quelle che in passato hanno portato il Catania ad avere grandi soddisfazioni con allenatori di successo. Il nostro tecnico rispecchia le stesse caratteristiche dei suoi predecessori sulla nostra panchina che hanno fatto un’ottima carriera e noi lo ringraziamo anche perché in una situazione indubbiamente complessa, tra mille difficoltà, ha tirato fuori il meglio da tutto e da tutti; è stato un prezioso collaboratore della società anche se il suo mestiere è un altro: è prima di ogni altra cosa il nostro allenatore, bravo e molto motivato. In particolare, ci ha dato una mano nella gestione di un momento iniziale provvisorio, tra ragazzi, calciatori aggregati ed altri che sono andati e andranno altrove. Ora, pensiamo al gruppo che verrà e con mister Pancaro crediamo di poter allestire una buona squadra. Una puntualizzazione doverosa: per noi cambiare girone sarebbe un dramma sportivo, per due motivi: primo, vogliamo ripartire da basi solide e le basi solide sono città e tifosi; secondo, l’aspetto organizzativo ed economico”. Chiare e dirette, le prime parole di Giuseppe Pancaro da allenatore rossazzurro: “Ringrazio il Direttore e la Società per la grande opportunità che mi è stata data, quella di guidare il Catania. Ci tengo a dire che non ho avuto alcun dubbio, nonostante le incertezze sul campionato da disputare e nonostante la penalizzazione, perché per Catania non esiste categoria. Per me allenare il Catania, oggi, è come allenare il Real Madrid. Tutti i calciatori del nostro organico dovranno avere lo stesso spirito e la stessa idea”. L’intervento del Direttore Sportivo Marcello Pitino ha introdotto la presentazione dell’allenatore in seconda Vito Tammaro, dell’Allenatore dei Portieri Emanuele Manitta, del Responsabile della Preparazione Atletica Ruben Scotti e del Preparatore Atletico Giuseppe Colombino. “Sono contentissimo di essere qui e spero di dare il mio contributo ad una gestione importante”, le parole di Tammaro, seguite da quelle di Manitta, che si è rivolto così alla platea: “Ci conosciamo da diversi anni, per me è un rinnovato piacere tornare qui e far parte di un progetto di ricostruzione, anche perché credo che ci siano tutte le componenti e soprattutto le persone dal profilo giusto”. Scotti ha dichiarato: “Ringrazio il Catania, metteremo il massimo dell’impegno”. Infine, Colombino: “Non è il primo anno, per me, ma è sempre una bellissima occasione, da catanese”. Successivamente, rispondendo alle domande dei numerosi giornalisti intervenuti, mister Pancaro ha approfondito le ragioni che lo hanno portato ad impegnarsi con il Catania, la “scaletta” di lavoro nel tempo e le sue idee portanti: “Le motivazioni della scelta sono molteplici, la prima è la storia del Catania, quindi il blasone del club, l’amore per la maglia dei tifosi ed il calore della piazza, la forte volontà della società di avere me come allenatore e la dimostrazione di fiducia accompagnata dalla chiarezza delle idee dei Dirigenti. Sicuramente, infine, anche il fatto che da qui sono passati allenatori che stanno facendo una carriera importante. I tifosi? A loro noi non possiamo e non dobbiamo chiedere niente, siamo noi che dobbiamo dare a loro, siamo noi a doverli riportare allo stadio ottenendo risultati ma anche con le prestazioni e dimostrando l’attaccamento alla maglia. Dico con grande onestà che, nonostante le difficoltà, ho potuto constatare l’amore del pubblico per i colori. L’analisi delle gare giocate in Tim Cup? Onestamente, vista l’emergenza, sono soddisfatto delle prestazioni ma ovviamente non sono soddisfatto dei risultati: a nessuno piace perdere, soprattutto in casa e soprattutto con un punteggio pesante ed anche ingiusto, come accaduto contro il Cesena. Il nostro primo obiettivo, adesso, è quello di allestire una squadra forte: abbiamo poco tempo ma ho grandissima fiducia nei Dirigenti al mio fianco e siamo d’accordo su tutto. Servono altri giocatori forti ed in questo senso abbiamo un vantaggio: siamo il Catania. Secondo, lavorare a testa bassa per arrivare pronti alla prima partita e dovremo riuscire: non mi interessa la partenza in ritardo, non mi interessa nemmeno l’eventualità di un completamento della squadra all’ultimo giorno di mercato, dovremo comunque essere pronti alla prima giornata. L’obiettivo? Sono umile e al contempo ambizioso ma oggi, davvero, non possiamo guardare più in là di domani: guarderò la classifica più avanti e lo farò con piacere. Occorre, in questa fase, lavorare sulla testa e sulle gambe: i ragazzi sono encomiabili per la predisposizione alla fatica. La penalizzazione comporta una situazione complicata ma non impossibile: sono consapevole della necessità di un’impresa sportiva ma sono convinto che ce la faremo. Vogliamo realizzare il giusto mix tra giocatori importanti per esperienza e giovani di prospettiva: ne ho, tra quelli in rosa, ma bisogna dargli il tempo di fare esperienza, hanno qualità e daranno sicuramente un grosso contributo alla causa ma non dobbiamo mettere pressione. Il modulo? Mi piace il 4-3-3, è vero, e lo considero un punto di partenza ma non mi chiudo ad un solo sistema, cerco di sfruttare le qualità dei calciatori”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...