Serie A : Seconda vittoria consecutiva del Palermo. I Rosanero si impongono a Udine

pale
Nel calcio puoi costruire occasioni o difenderti. Fare bel gioco o evitare che l’avversario lo costruisca. Ma alla fine, quello che conta, è sempre e solo il risultato. E la seconda giornata di campionato regala altri tre punti d’oro al Palermo, che vince sul campo dell’Udinese per 1-0. E’ di Luca Rigoni, su un assist straordinario di Vazquez, la firma sul successo rosanero.
Iachini decide di dare fiducia allo schieramento della seconda parte della sfida contro il Genoa, schierando la sua squadra con il 3-4-1-2. Davanti a Sorrentino i difensori sono Struna, Gonzalez ed El Kaoutari. A Rigoni e Jajalo il compito di impostare e tamponare, a Lazaar e Rispoli quello di innescare il “turbo” sulle fasce. Vazquez supporta Trajkovski e Quaison, incaricati di non dare punti di riferimento a Danilo e compagni. Colantuono lascia Di Natale in panchina, le punte del suo 3-5-2 sono Thereau e Zapata.

Udine è distante solo un’ora dall’Austria. Forse è per questo che il “Mudo” Vazquez, al 7’, piuttosto che a ritmo di tango sembra ballare il valzer. Un suo “slalom speciale” regala il vantaggio al Palermo. Il numero 20 va via sulla sinistra, salta un primo avversario, ne mette a sedere un altro e crossa splendidamente al centro. Luca Rigoni si regala il gol dell’1-0 per le sue duecento presenze in Serie A. Il suo colpo di testa è imprendibile per Karnezis.

Il vantaggio dei rosanero sveglia i padroni di casa. Dopo il gol subito l’Udinese spinge forte, cercando di non guastare il proprio debutto nel “Friuli” rinnovato. I rosanero preferiscono aspettare che passi la bufera, contenendo la sfuriata. Bruno Fernandes sale in cattedra per i bianconeri, ispirando praticamente tutte le azioni offensive. E’ però Merkel a recuperare il pallone che innesca la prima vera azione pericolosa dei friulani. Jajalo controlla male un pallone che finisce sui piedi di Thereau. Gran destro dalla distanza, Sorrentino sfiora in corner.

Il Palermo rischia grosso a metà primo tempo, per ben tre volte. Al 18’ Sorrentino non trova il tempo per l’uscita su cross di Edenilson, il capitano stoppa la prima conclusione di Thereau ma viene scavalcato dal pallone. Serve un salvataggio sulla linea di Gonzalez sul secondo tiro del francese, ma non è finita. Zapata manda alto sulla respinta del “Pipo”. Due minuti più tardi Edenilson spreca uno splendido cambio di gioco di Bruno Fernandes. Il destro al volo del brasiliano finisce alto.

Anche nella seconda parte del primo tempo la squadra di Iachini è costretta soltanto ad evitare guai. La pressione di Thereau e compagni è costante e non lascia grande spazio per azioni offensive. Le chiusure rosanero sono però più tempestive. Il livello di attenzione sale, il numero di occasioni per l’Udinese scende, il primo tempo si chiude senza altre emozioni.
I bianconeri provano a sprintare subito nei primi dieci minuti della ripresa. Bruno Fernandes ci prova dalla distanza ma non trova la porta, El Kaoutari chiude la porta in faccia a Thereau, nessuno arriva su un pericoloso cross di Zapata. Quaison prova a rispondere con una gran giocata sulla sinistra, scappando via di forza e in velocità. Sul suo suggerimento al centro una deviazione non permette a Vazquez e Rispoli di trovare il 2-0.
Colantuono prova ad affidarsi alla panchina, inserendo Kone per Merkel. Il greco ci prova subito dai venti metri, il pallone sbatte davanti a Sorrentino che riesce comunque a respingere in corner. Iachini corre ai ripari con l’esordio in rosanero (e in Serie A) per Goldaniga, che sostituisce Rispoli. La direzione della sfida è la stessa del primo tempo. Il Palermo attento a stoppare tutte le offensive dell’Udinese, che cerca in tutti i modi di arrivare al pari.
Il copione diventa ancora più marcato al 25′. Damato decide di estrarre il secondo giallo per Struna per un duro intervento su Bruno Fernandes. L’espulsione appare esagerata, perché lo sloveno colpisce soltanto il pallone e non il portoghese. Colantuono prova subito ad approfittarne, inserendo Di Natale per Heurtaux. Il numero 10 bianconero ci prova poco dopo al volo, ma Sorrentino c’é.
Iachini inserisce Vitiello e Hiljemark al posto di Quaison e Rigoni, nel tentativo di chiudere tutti gli spazi ai padroni di casa. Ma i rischi non diminuiscono. Anche nel finale il Palermo deve stringere i denti e soffrire. Al 41′ Thereau manda fuori di nulla con un colpo di testa su cross di Adnan. Due minuti più tardi serve un autentico miracolo di Sorrentino per evitare il pari su un colpo di testa in tuffo di Zapata.
Il forcing finale dei bianconeri non cambia però il risultato. Alla fine della partita sono i ragazzi in rosanero a potere stringere i pugni. Il Palermo centra un’altra vittoria straordinariamente importante, la porta di Sorrentino resta imbattuta e la festa può iniziare. La squadra di Iachini è a punteggio pieno, in testa al campionato dopo due gare.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...